Regione Toscana

La sicurezza sul lavoro nella regione Toscana è ovviamente soggetta a quanto previsto dalla normativa nazionale. Le aziende, i datori di lavoro e tutte le figure professionali preposte alla sicurezza devono rispettare quanto previsto dal Testo unico e dalla normativa a esso correlata.

Ognuna delle figure sopraccitate ha inoltre il dovere di osservare come complemento della normativa nazionale anche le linee guida, i provvedimenti, provenienti dall’amministrazione regionale, o dalle relative amministrazioni provinciali. L’amministrazione della Regione Toscana è particolarmente attiva nella prevenzione dagli infortuni e nel sensibilizzare la propria popolazione verso il rispetto delle norme sul lavoro e sulla sua tutela. Redige piani sanitari biennali per la salute degli ambienti lavorativi, ha promosso la creazione di una rete regionale di RLS, ha stanziato nell’aprile del 2011 un fondo di finanziamento per la prevenzione sul lavoro che ammonta a 3 milioni di euro.

Una nota utile che segnaliamo e che riguarda ancora l’amministrazione regionale è la presenza di un numero verde per la prevenzione sui luoghi di lavoro che possono chiamare e al quale possono rivolgersi tutti i lavoratori toscani. Un numero verde utile, aperto, un’ottima iniziativa.

Ovviamente Firenze, e i capoluoghi di provincia hanno una propria sede INAIL, INPS, annoverano la presenza delle maggiori sigle sindacali, e nel caso dei maggiori centri, delle maggiori associazioni di categoria.


Corso RLS a Firenze

La Regione Toscana sin dal Piano Sanitario Regionale 2005/2007 ha sempre dato forte rilievo alla figura dell’RLS – Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. È stata infatti istituita prima la “Rete regionale dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS)” , affinché si creasse una collaborazione fruttuosa fra Enti, Istituzioni,…